Il sogno e il volo

Share Button

Per mano

per mano

per mano

a te

camminavo

per quella strada stellata

in un cielo turchese

in un’aria leggera

che pettinava i capelli

nella musica

eterna

dello spazio siderale.

Non importava

se era l’ultimo cammino

se

arrivati

nello splendore abbagliante

scomparivo

nel risucchio del tempo.

Sarei uscita

in punta di piedi

dalla vita

sorridendo

perché tu mi accompagnavi

e mi salutavi

nell’attesa

di un nuovo incontro

con un bacio

sui capelli.

Delicato

e timido

trasfondeva

il calore

che ti portavi dietro

mentre io,

giunta alla meta,

ti scivolavo via

lontana.

Addio

sogno ultimo

di una piccola vita

senza pretese

legata

alle sue speranze

frantumate

ai suoi desideri

inutili

ai suoi palpiti

che si nutrivano

prepotenti

del piccolo atomo

da vivere.

 

 

 

gabriella rosso

evergreen, ovviamente!