La giostra

Share Button

Sai?

non temo più

i lanci nel vuoto

nelle luci intermittenti

nella musica senza pace

nei sorrisi di terrore

e di piacere

che finiscono sul seggiolino

incatenato.

Non ho più paura.

 

Il vortice d’aria

mi strappa

alla realtà

che non è più mia:

rivoglio le emozioni

i sogni

i desideri che sfiancano

l’anima nell’attesa.

Rivoglio

brividi alle carezze

ansie ai silenzi

torpori sonnolenti

ai gesti

timidi

d’amore.

 

L’attesa

sarà lunga,

infinita attesa

di un tempo

non segnato dalle ore

ma tessuto

in un orologio senza lancette

nel buio complice

o nemico

(chissà?)

di una dimensione

sognata

dorata

o argentea,

diamantina

profumata

di te.

Per sempre.

 

 

 

gabriella rosso

evergreen, ovviamente!